Vota questo articolo
(0 Voti)

Dal 1° Municipio : 2 iniziative culturali a Trastevere

Carissime/i,

vi segnalo due iniziative culturali che si svolgeranno nel fine settimana nel nostro territorio, con il Patrocinio e il sostegno organizzativo del nostro Municipio

 

Venerdì 27 aprile alle ore 18.30, presso la galleria Spazio Eventi 51 in Via dei Salumi, 51​, inaugurazione della mostra degli acquarelli di Bruno Gallinella. Un omaggio da parte degli amici più stretti alla memoria dell'artista, prematuramente scomparso, attraverso i dipinti che raccontano il suo mondo interiore.

 

La mostra sarà aperta anche nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 aprile con i seguenti orari:

mattina: 10.30  / 13.00  -  pomeriggio: 15.00 / 19.00.

 

L'iniziativa ha uno scopo benefico. Il ricavato della mostra verrà devoluto alla Lega del Filo d'Oro Onlus, l'associazione che si occupa del sostegno alle persone affette da sordo-cecità.

 

 

Sabato 28 aprile allo Spazio WEGIL di Largo Ascianghi, 5, dalle ore 10.30, apre al pubblico la 2^ Biennale Nazionale dei Licei Artistici. I ragazzi di 150 Licei di tutta Italia espongono le loro opere, quest'anno incentrate sul tema del "Viaggio". Una bellissima iniziativa, un capitolo importante verso la scuola innovativa, aperta alla ricerca e alla sperimentazione, che tutti vogliamo. ​

 

Dal 28 aprile al 4 giugno presso lo Spazio WEGIL di L.go Ascianghi 5

 

Dal 7 maggio al 4 giugno una parte delle opere, esposte nelle sale del Palazzo dell'Istruzione di Viale Trastevere, 76/a, potrà essere vsitata nelle giornate di lunedì e giovedì previa prenotazione via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Un caro saluto,

Sabrina Alfonsi

Vota questo articolo
(0 Voti)

ACCADEMIA DI SPAGNA

Piazza San Pietro in Montorio 3

Roma – Trastevere ( Gianicolo )

 

PRESENTAZIONE RIVISTA “BAJO PALABRA”

Numero “CORPO E IDENTITÀ NELLA SOCIETÀ DEL LEISURE”

Venerdì 27 aprile, ore 17.00

 

Nella vita culturale italiana e spagnola del XX secolo le riviste hanno sempre avuto un ruolo fondamentale, come centri di aggregazione per gli intellettuali, come strumenti di formazione e informazione culturale e ideologica e come privilegiati luoghi di dibattito. Hanno rappresentato un genere tipico dello scorso secolo, uno specifico prodotto culturale che si è adattato ai tempi e ha anche dato vita a specifici linguaggi, stili e modelli di espressione.

Ma quale ruolo ricoprono oggigiorno le riviste all’interno delle relazioni culturali tra i nostri paesi? Quali sono i limiti e quali le possibilità future del ruolo di “ponte” delle riviste in un’epoca come la nostra?

 

È a partire da queste domande preliminari che il 27 di aprile presenteremo la rivista spagnola Bajo Palabra e, in particolare, il suo ultimo numero monografico: “Corpo e identità nella società del leisure” (2017). Il volume raccoglie articoli –di autori spagnoli, italiani e latinoamericani– dedicati allo studio dei processi di costruzione dell’identità legati al corpo e al tempo nel cosiddetto mondo del leisure, del tempo libero.  Interverranno i coordinatori del monografico (Luca Bifulco e Elena Trapanese) e la direttrice della rivista (Delia Manzanero)

 

×××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××××

 

En la vida cultural italiana y española del siglo XX las revistas han siempre jugado un papel fundamental, como centros de agregación para los intelectuales, como instrumentos de formación e información cultural e ideológica y como privilegiados lugares de debate. Han representado un género típico del siglo pasado, un específico producto cultural que se ha adaptado a los tiempos y que, al mismo tiempo, ha ido conformando específicos lenguajes, estilos y modelos de expresión. Pero, ¿qué papel juegan hoy día las revistas en las relaciones culturales entre nuestros países? ¿Cuáles son los límites y las posibilidades futuras del papel de “puente” de las revistas en una época como la nuestra?

 

A partir de estas preguntas preliminares, el 27 de abril presentaremos la revista española Bajo Palabra y, en particular, su último número monográfico: “Cuerpo e identidad en la sociedad del leisure” (2017). El volumen reúne artículos –de autores españoles, italianos y latinoamericanos– dedicados al estudio de los procesos de construcción de la identidad vinculados al cuerpo y al tiempo en el llamado mundo del leisure, del tiempo libre.  Intervendrán los coordinadores del monográfico (Luca Bifulco y Elena Trapanese) y la directora de la revista (Delia Manzanero).

Vota questo articolo
(1 Vota)

                                                                        Gregorio Prieto e la fotografia

Organizzato da Real Academia de España en Roma

giovedì dalle ore 19:30 alle ore 22:30

 

ACCADEMIA DI SPAGNA

piazza San Pietro in Montorio 3

Roma - Trastevere ( Gianicolo )

 

Dettagli

Originale, trasgressivo, iconoclasta. Fotografie inedite in Italia di Gregorio Prieto, un artista che approfitta della borsa di studio presso l’Academia de España per sperimentare un linguaggio sorprendentemente attuale.
Scampoli di vita quotidiana. Giardini, terrazze e studi si riconoscono nelle immagini di un’Accademia in cui, oggi come ieri, i suoi creatori si affacciano ogni giorno sulla bellezza di Roma per innovare e sedurci con altri sguardi.

 

Ingresso libero

 
Vota questo articolo
(1 Vota)

                                                                        Gregorio Prieto e la fotografia

Organizzato da Real Academia de España en Roma

giovedì dalle ore 19:30 alle ore 22:30

 

ACCADEMIA DI SPAGNA

piazza San Pietro in Montorio 3

Roma - Trastevere ( Gianicolo )

 

Dettagli

Originale, trasgressivo, iconoclasta. Fotografie inedite in Italia di Gregorio Prieto, un artista che approfitta della borsa di studio presso l’Academia de España per sperimentare un linguaggio sorprendentemente attuale.
Scampoli di vita quotidiana. Giardini, terrazze e studi si riconoscono nelle immagini di un’Accademia in cui, oggi come ieri, i suoi creatori si affacciano ogni giorno sulla bellezza di Roma per innovare e sedurci con altri sguardi.

 

Ingresso libero

 
Vota questo articolo
(0 Voti)

SAVE THE DATE // "Open Studios 2018"

Giovedì 22 marzo alle ore17,00

 

RESIDENTI 2017/2018

 

Javier Arbizu Estella, 1984

Juan Baraja Toledo, 1984

Ángela Bonadies Caracas, 1970

Roberto Coromina Remolinos, Saragozza, 1965

María Teresa Chicote Pieve di Cadore, 1991

Julia de Castro Ávila, 1984

Miren Doiz Pamplona, 1980

María Esteban Casañas Madrid, 1991

Inma Herrera Madrid, 1986

Javier Hontoria Madrid, 1975

Miguel Leiro Santiago de Compostela, 1994

Miguel Marina Madrid, 1989

Leire Mayendía Bilbao, 1973

Cecilia Molano Madrid, 1976

Álvaro Negro Lalín, Pontevedra, 1973

Nuria Núñez Hierro Jerez de la Frontera, 1980

Santiago Pastor Alcoy, 1979

Abel Paúl Valladolid, 1984

Milena Rossignoli Quito, 1990

María Gisèle Royo Caracas, 1983

Javier Sáez Castán Huesca, 1964

Elena Trapanese Roma, 1985

Ana Zamora Madrid, 1975

 

Accademia di Spagna

Piazza San Pietro in Montorio 3

Roma – Trastevere ( Gianicolo )

Vota questo articolo
(0 Voti)

ACCADEMIA DI SPAGNA a Trastevere: Concerto del 16 marzo

 

 

                                                     RECITAL DI PIANOFORTE

                                                          MARÍA GARZÓN

                                           OMAGGIO AD ALEJANDRO YAGÜE

 

 

                                                                          Programma di musica spagnola

Antonio Soler :Sonata en sol mayor - Sonata en fa sostenido mayor

Isaac Albéniz : Granada - Leyenda

Alejandro Yagüe : Halley

Joaquín Rodrigo : Al hombre de Torre Bermeja - Preludio al gallo mañanero

Enrique Granados : Andaluza

Antonio Soler : Fandango

 

María Garzón ha studiato a Salisburgo, Lubecca, Colonia e più tardi a Londra, con la grande maestra russa Narine Aarotuinian. Attualmente risiede a Londra e ha suonato come solista al Wigmore Hall, al Queen Elizabeth Hall e al Barbican, così come nei festival internazionali di Salonicco, Cartagine, Istanbul, Glasgow o Edimburgo. Ha registrato concerti per canali internazionali come BBC, RAI, RTVE, SWF e WDR e ha ricevuto il Premio al Miglior Album dell’Anno assegnato dalla British Retailers’ Association. Ha girato anche il documentario Viktor Ullmann: biografia di una registrazione, attorno alla figura del musicista tedesco.

Questo concerto è un omaggio al musicista e compositore spagnolo Alejandro Yagüe (1947-2017), pensionato di Musica presso la Real Academia de España a Roma nel periodo 1976-1978.

 

Reale Accademia di Spagna

Piazza San Pietro in Montorio 3

Roma – Trastevere  ( Gianicolo )

Vota questo articolo
(0 Voti)

Riceviamo e pubblichiamo l' elenco delle iniziative per festeggiare la Giornata Internazionale delle Donne organizzate dal 1° Muicipio                                

Associazione Trastevere Rione XIII

 

 

Carissime/i,

 

in occasione della Giornata Internazionale della Donnache si celebra domani 8 marzo 2018, il  Municipio Roma I Centro ospiterà sul suo territorio queste bellissime iniziative 

 

 

ore 10.00

Piazza Testaccio - "Le Donne, Le Storie, La Memoria: Percorsi Urbani" 

L'associazione #IoCosì e l'associazione culturale Ottavo Colle con il patrocinio del Municipio I,  propongono una passeggiata  fra le strade del Rione sulla figura di tre donne: Maria Montessori, Elsa Morante e Gabriella Ferri.

Appuntamento in Piazza Testaccio alle ore 10.00 presso la Fontana delle Anfore

info e prenotazioni obbligatorie a:

segreteria@associazioneiocosi@gmail.cojm

prenotazioniottavocolle@gmail.com

 

ore 11.00

Centro Diurno Anziani "E. Morante" - Via Bodoni 6 - "Generazioni di donne a confronto"

Le nonne del Centro Diurno Anziani "Elsa Morante" e le donne dalla "Banca del tempo Municipio Roma I Centro" raccontano il valore delle donne, in uno scambio di storie di vita tutta al femminile in ambiti e epoche diverse.

 

ore 12.30

presso i giardinetti di Piazza San Cosimato verrà apposta una targa per ricordare Anita "Annita" Pasquali, recentemente scomparsa, storica dirigente dell’UDI e protagonista delle battaglie delle donne nella nostra città. La targa nasce da un desiderio espresso dai circoli UDI Monteverde e UDI La Goccia.

 

ore 16.30

Circolo socio-culturale Esquilino Via di San Quintino 11

"Apericena" a cui seguirà ballo con musica dal vivo e gara di "stuzzichini" tra le signore. Le signore sono invitate a indossare qualcosa di giallo.

 

ore 18.30

Sala Umberto - Via della Mercede 50 - "Donne che leggono le donne" con il patrocinio del Municipio I

Reading A. Faiella, B.Foria, M.Massironi, P.Giorgi, E.Rossi, A. Sandrelli.

 

ore 19.00

Stadio Domiziano - Via di Tor Sanguigna 3 - Piazza Navona

Conferenza-dibattito in occasione della cerimonia di inaugurazione della IX Settimana Francese a Roma, organizzata dal Municipio I e dall'Associazione Roma-Parigi..

Partecipanti: Sabrina Alfonsi, l'assessore alla Cultura e alle Pari opportunità Cinzia Guido e la direttrice artistica Jacqueline Zana-Victor. Discussant sarà Sabrina Florio, imprenditrice, presidente di Anima per il Sociale e vicepresidente di Unindustria Roma.

Durante l’incontro ascolteremo l’esperienza di alcune donne che hanno creato impresa “dal basso” nel centro storico di Roma. Tra le altre Ottavo Colle, Family Welcome, Il Nido Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori oltre alle boutique che in seguito sfileranno tra i reperti archeologici sotterranei di Piazza Navona. Ore 20:00 Sfilata di Moda La sfilata proporrà dei suggestivi Tableaux Vivants, protagoniste le creazioni di Aini Love, Giovanna Gavaudan, Haute Vintage, Le gallinelle, Verso Sud e Origami, Tutte imprese dell’alto artigianato della moda del I Municipio, create e gestite da donne. La sfilata sarà intervallata dalla consegna dei Premi Alessandro Levi Sandri e WAW 2018.

 

Vi aspetto.

Un caro saluto.

Sabrina Alfonsi

Vota questo articolo
(0 Voti)

ACCADEMIA DI SPAGNA

piazza San Pietro in Montorio 3

Roma - Trastevere ( Gianicolo ) 

                                            sabato 17 febbraio 2018

                                                     ore 18,00

                                 

                                     SOL PICÓ SEGUENDO UN SOGNO ©

Sol Picó ci propone una chiacchierata informale, come se ci parlasse dal divano di casa sua, a proposito dei vent’anni della sua carriera: paure, dubbi, fallimenti inconfessabili, sogni non realizzati… i gran dolori sono muti… Ci rivelerà come e quando arriva l’ispirazione e cosa succede se invece non arriva. Ci rinfrescherà la memoria attraverso suggestive immagini dei suoi inizi e ci spiegherà che cos’è per lei una vita dedicata anima e corpo alla danza: essere donna, madre e artista, un cocktail esplosivo che è difficile che non scoppi in mano. Sacrificio e divertimento accompagnata da una squadra eccezionale per vent’anni, che l’ha portata a viaggiare in più di trenta paesi e a sperimentare l’accoglienza della sua danza mediterranea a Pechino, Kinshasa o Parigi. Lei parlerà e ci farà domande perché le interessa molto sapere cosa pensiamo noi, gli spettatori di questo mondo… Sei pronto?

SOL PICÓ Coreografa e ballerina residente a Barcellona, Sol Picó domina la danza classica, spagnola e contemporanea. Tre discipline che si possono percepire nel suo lavoro coreografico, inquadrate nell’espressione più contemporanea della danza. Fa i primi passi come professionista con la compagnia teatrale “La Cassola” di Alcoi e crea la sua prima compagnia nel 1988, Danza Robadura. Tra il 1990 e il 2003, durante i primi anni della sua traiettoria professionale, lavora come interprete e coreografa con compagnie e creatori come Rayo Malayo Danza, Los Rinos e La Fura dels Baus. Nel 1993 crea a Barcellona la Compañía Sol Picó che le permette di sviluppare il suo personalissimo marchio, presente sia nel suo linguaggio creativo e interpretativo che nel nome delle sue opere. Razona la vaca (1995), E.N.D. (Esto No Danza, 1998), D.V.A (Dudoso Valor Artístico, 1999), Bésame el cáctus (2001), La divadivina y el hombre bala, La mujer manca o Barbie-Superestar (2003), La prima de chita (2006), Sirena a la plancha (2008), El lago de las moscas (2009), Matar al bicho (2010), Petra, la mujer araña y el putón de la abeja Maya (2011), Memorias de una pulga (2012), One-hit wonders (2014), We Women (2015) o Dancing with frogs (2017) sono alcuni esempi e alcuni montaggi di questa creatrice. Tra il 2002 e il 2004 la Compañía Sol Picó è stata la compagnia residente di danza nel Teatro Nacional della Catalogna.

Formata nella danza classica e influenzata dal teatro alternativo è diventata una delle coreografe e ballerine più eterodosse della scena contemporanea. Nel 2003 porta in scena La mujer manca o Barbie-Superstar, uno spettacolo che indaga l’universo femminile. Nove interpreti femminili, sei ballerine e tre musiciste, costruiscono e decostruiscono il mondo femminile, la sua interezza e la sua fragilità. Con il pretesto di fare una revisione, di lanciare uno sguardo al passato, struttura questo spettacolo come un concerto rock and roll, pieno di umorismo e letture incrociate. In quest’opera tocca tematiche di genere a ritmo di rock, blues, flamenco, etc. e debutta, nel novembre del 2012, al Fringe Festival, festival internazionale di arti sceniche d’avanguardia di Pechino. La successiva produzione è Memorias de una pulga. Picó riflette sulla crisi e propone una fuga in avanti come reazione e speranza nei confronti della situazione sociale. Nel 2014 presenta One-hit wonders, uno spettacolo in solitaria dove ripercorre i vent’anni della sua carriera e sceglie i momenti migliori dei suoi spettacoli come Bésame el cactus, el solo que la catapultó; passaggi di La mujer manca o Barbie-Superestar (2003) concentrato sui cliché dell’universo femminile; Paella mixta (2004), azzardato avvicinamento al flamenco; Memorias de una pulga (2012), la sua risposta immaginativa alla crisi del mondo attuale, e D.V.A (2002), spettacolo di strada sull’erotismo. Le sue due ultime opere sono un dittico sui ruoli di genere: nel 2015 debutta con We Women, insieme a ballerine e coreografe di chiara fama di diversi continenti e nel 2017 Dancing with frogs, dove prende in esame, insieme a quattro ballerini, un attore e due musicisti, con un umore acido e incisivo, la violenza con cui colpisce a volte l’eccesso di mascolinità.

Nel febbraio del 2015, quando celebra il ventesimo anniversario della sua compagnia, riceve il premio Ciutat di Barcellona di Danza per aver condotto la sua carriera artistica “con rigore, allegria e qualità” e per il lavoro in gruppo e il suo coinvolgimento nella città e nel quartiere in collaborazione con altri artisti. È anche Premio Nazionale di Danza del 2016 per la sua creatività. Due riconoscimenti che fanno parte di un palmarès che include più di venti premi

Vota questo articolo
(0 Voti)

TRASTEVERE: per il Cinema America ancora polemiche

Ci inseriamo ancora nel dibattito tra i ragazzi del Cinema America ,  tanti residenti e frequentatori di Trastevere , personaggi del cinema italiano contrapposti ai vertici di Roma Capitale. E’ nostro dovere e diritto ( pensiamo ) in quanto la nostra associazione è per Statuto “ apolitica” e “ sociale, culturale e per la tutela e valorizzazione di Trastevere “ Noi in piazza San Cosimato abbiamo organizzato e realizzato un evento per la Festa de’ Noantri, completamente differente dagli altri eventi (passati e presenti) , malgrado le difficoltà createci dal 1° Municipio (Presidente  Corsetti ) e dal Comune (Sindaco Alemanno ) e senza alcun finanziamento come promesso; se altri faranno un evento uguale o simile al nostro ci sembra ragionevole che ci dovranno prima chiedere l’autorizzazione senza la quale non potrà esserci un bando di assegnazione da parte del Comune. Pertanto sosteniamo le ragioni dei ragazzi del Cinema America, indipendentemente dai loro sostenitori, attori e registi, a non dover partecipare a un bando per un evento che loro hanno creato e realizzato a piazza San Cosimato. Di seguito quanto pubblicato sul quotidiano Affaritaliani di oggi.

Associazione Trastevere Rione XIII

 

M5s Roma: Virzì, Zalone, Bertolucci chiedono la testa del vicesindaco grillino

Cinema America: cento big, attori e registi, chiedono le dimissioni di Luca Bergamo e della consigliera comunale Guerrini

Tempesta sul m5s romano e sul vicesindaco Luca Bergamo. Cento big del cinema, fra i quali spiccano il Premio Oscar Paolo Sorrentino, Paolo Virzì, Checco Zalone, Dario Argento e Luca Zingaretti, fra gli altri, hanno firmato la petizione dei ragazzi dell'associazione Piccolo Cinema America per chiedere la testa di Bergamo e della consigliera comunale Gemma Guerrini (reduce da dichiarazioni improvvide sul "feticismo" di chi "guarda ripetutamente film vecchi".

Pomo della discordia la rassegna di film gratuiti a Piazza San Cosimato (dove abita la consigliera Guerrini, per l'appunto, avversa alle iniziative "troppo caotiche" dei ragazzi del Cinema America), rassegna che quest'anno è stata osteggiata dal m5s, che ha messo a bando l'iniziativa. Bando cui l'associazione ha deciso per protesta di non partecipare. 

I ragazzi dell'associazione puntano il dito su una norma del bando di gara, secondo la quale ai vincitori sarebbe proibito criticare il Comune. La protesta dei ragazzi, soprattutto dopo le dichiarazioni della Guerrini, ha poi trovato appoggio in cento fra registi, attori e produttori, determinati a chiedere le dimissioni del vicensidaco e della consigliera in questione. 

Bergamo ha risposto per le rime, dicendo di rispettare l'appello e di ammirare l'oprea dei sottoscrittori, ma di essere ben deciso a restare al proprio posto, mentre la Guerrini ha ricevuto le critiche anche della sua stessa compagine. La consigliera grillina Eleonora Guadagno ha ammesso con Roma Today che la Guerrini "è andata avanti in totale autonomia e, pronunciando parole del genere, dimostra di non essere competente in materia". Peccato però che sia vicepresidente della Commissione Cultura... 

Fra i sottoscrittori troviamo anche Alberto Barbera, Gianni Amelio, Carlo Degli Esposti, Luigi Lo Cascio, Daniele Luchetti, Francesca Archibugi, Neri Marcoré, Mario Martone, Marco Tullio Giordana, Lorenzo Mieli, Ferzan Özpetek e Gabriele Muccino.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Accademia di Spagna : Un inferno comodo

                                      Inaugurazione della mostra 8 febbraio alle ore 19.30

 

Artista: Eugenio Ampudia

Curatrice: Blanca de la Torre

 

Organizza Real Academia de España en Roma

piazza San Pietro in Montorio 3

Roma Trastevere

 

Collabora Museo MAXXI, Fondazione Baruchello, Galleria Nazionale d’Arte    Moderna e  Contemporanea e Tevereterno

  

L’Ambasciata di Spagna in Italia, attraverso l’Accademia di Spagna a Roma, presenta per la prima volta a Roma nelle sale dell’Accademia l’opera dell’artista Eugenio Ampudia, un progetto curato da Blanca de la Torre che sarà inaugurato l’8 febbraio.  L’artista mette in discussione l’efficacia degli spazi assegnati alla cultura e mira a far detonare l’analisi e l’esperienza dello spettatore in qualità di agente interprete, attivo e gestore di nuovi significati dell’opera d’arte. Come idea centrale soggiace qui una rilettura insolita del concetto di patrimonio, inteso come uno spazio per riprendere e reinterpretare, come spazio abitabile. Ampudia sottolinea così l’importanza di rendere più accessibile l’arte e di intendere la cultura e il patrimonio come spazi confortevoli. Parallelamente si propone una riflessione critica sul turismo culturale, legata in chiave metaforica a problematiche globali come il cambiamento climatico o le modalità di consumo, in particolar modo quella del nostro stesso patrimonio culturale e artistico. 

 

 

 

 

                                 

Pagina 1 di 37