Vota questo articolo
(0 Voti)

Scritto da Rossana Prezioso | Trend Online

In queste ore la polemica che monta con la Cancelliera Angela Merkel da una parte (e le sue interviste accusatorie) e la Francia e l’Italia dall’altra con, una volta tanto, il governo che risponde piccato (finalmente!) alle osservazioni (in realtà non fuori luogo) del Primo Ministro italiano.

L'Italia sconta il peccato originale

E’ vero, indiscutibilmente, che l’Italia non può certo essere presa ad esempio per indicare una nazione veloce nell’approvazione delle riforme, incisiva sulle decisioni politiche, priva di incertezze nell’iter burocratico e legislativo. Vero. Ma è anche vero che chi muove critiche nei confronti di una nazione, dovrebbe essere anche il primo a portare il buon esempio. E siccome quando si tratta di Europa, potere e politica, è bene ricordare che il più pulito ha la rogna, allora andiamo a guardare cosa la Germania farebbe bene a ri-fare, prima di alzare il dito contro altri. Altri che spesso sono stati volutamente penalizzati.

Abbiamo detto che Roma è quello che è, nel bene e nel male, ma Berlino?

Berlino, figliola prodiga

Berlino è rappresentante di una politica che spesso ha scelto la facile strada di un sistema, come quello della moneta unica, che ha facilitato e non poco la sua economia. E ne ha approfittato. Stupidi noi, italiani, che abbiamo scelto di sottostare, pur sapendo che all’interno dell’unione stessa, siamo una colonna portante. Almeno considerando quello che paghiamo e che NON riceviamo in cambio.

Un esempio? Arriva direttamente dalle banche. Sparkassen e Landesbanken ovvero casse di risparmio e banche regionali con partecipazione dei politici locali. In pratica un connubio esplosivo e pericolosissimo, puntualmente (volutamente?) ignorato dalla Bce (Toronto: BCE-PA.TO - notizie) . Ignorato perchè troppo scomodo dover sollevare il coperchio di un pentolone fatto di connivenze, favoritismi e perdite miliardarie. Tanto alla fine se Berlino si può permettere di versare 250 miliardi di euro per salvare le grandi banche, potrebbe (forse) permettersi anche di salvare i piccoli protagonisti. I quali, forse proprio perchè piccoli, implicitamente autorizzati a muoversi con più spregiudicatezza.

La Bce e la sua comoda "discrezionalità"

Scomodo, si diceva, tanto da sfruttare dei criteri “discrezionali” da parte della stessa Bce, che per Berlino hanno raggiunto quota 30 miliardi tra esenzioni ed eccezioni, mentre per Roma non sono andate oltre i 15. A renderne conto oggi, La Repubblica che cita come esempio proprio i crediti ristrutturati giudicati che in Italia sono considerati ancora crediti deteriorati (quindi fattori negativi) mentre nel momento in cui si trovano a Berlino, cambiano natura e diventano tranquillamente come solvibili e quindi positivi. Cosa piuttosto strana se si pensa che le regole per il sistema bancario europeo, in teoria, dovrebbero essere uniformi. Cosa che a quanto pare non è.

Anche i derivati (di cui le banche tedesche sono piene) sembrano essere trasformati in strumenti affidabili e credibili, mentre i crediti concessi, quelli che dovrebbero rilanciare l’economia, sono invece ricettacolo di ogni nequizia finanziaria…

Strano, poi, anche l’assenza di gran parte delle banche tedesche da quell’elenco di 120 istituti che all’inizio di settembre costituivano la classifica delle “vittime” degli stress test. Altra coincidenza (ma guarda un po’…) che riguarda la presenza, o per meglio dire l’assenza, delle Sparkassen ovvero la base finanziaria che organizza (e spesso gestisce) la finanza della politica locale. Nessun controllo per lei da parte delle autorità europee.

Alla Germania, a quanto pare, piace vincere facile…

Vota questo articolo
(1 Vota)

Psicologo o Psicoterapeuta: quali sono le differenze?

Psicologo e Psicoterapeuta: quali sono le peculiarità che differenziano le due figure professionali? Spesso e volentieri tra i pazienti c’è molta confusione in merito alle competenze, al background formativo posseduto e ai compiti che devono compiere queste due figure professionali. 

 

Psicologia e Psicoterapia: le caratteristiche distintive?

Lo Psicoterapeuta è un professionista laureato in Psicologia o in Medicina e Chirurgia che ha acquisito una specifica formazione teorica e pratica, di almeno quattro anni, presso scuole di specializzazione universitarie o riconosciute dal MIUR secondo la normativa vigente. Secondo la Legge 56/89 art 3.2 “agli psicoterapeuti non medici è vietato ogni intervento di competenza esclusiva della professione medica” e, dunque, uno psicologo-psicoterapeuta non può in nessun caso prescrivere farmaci.

Ad esempio, per chi avesse necessità di contattare uno psicologo a Firenze, il riferimento è l’Ordine degli Psicologi della Toscana.

 

Psicologo: quali competenze e quali strumenti usa

Come previsto dal Codice Deontologico, lo Psicologo è un professionista tenuto a migliorare la capacità delle persone di comprendere sé stesse e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole, congrua ed efficace (art.3). Inoltre, dinanzi all’emergere di un malessere psicologico, compito dello Psicologo è analizzare la domanda di aiuto del paziente e accrescere le proprie conoscenze sul comportamento umano. Lo Psicologo ricorrere ai seguenti strumenti di lavoro: test psicologici, colloquio clinico, osservazione e la valutazione di elementi non verbali e relazionali.

Molti pazienti si rivolgono allo Psicologo per richiedere un parere o per chiedere un consiglio ad un valido Professionista: prendere una decisione importante, affrontare un momento particolarmente stressante sul lavoro, una separazione con il coniuge, la premorienza di un caro, etc. I benefici di una consulenza psicologica sono davvero innumerevoli e possono riguardare la prevenzione e il miglioramento del benessere psicologico e relazionale del paziente.

Psicoterapeuta: competenze e cassetta degli attrezzi

Lo Psicoterapeuta cura e tratta la sofferenza della psiche, sia essa di natura mentale, emotiva o comportamentale. In presenza di una sofferenza psicologica significativa, lo Psicologo, nel processo di identificazione della natura della problematica presentata dal paziente, può valutare la necessità di un trattamento terapeutico, che rientra nella competenza esclusiva dello Psicoterapeuta. In buona sostanza, lo Psicoterapeuta cura e interviene apportando cambiamenti alle modalità emotive, relazionali, cognitive che danno origine ad una sofferenza più o meno intensa che cagiona malessere al paziente. L’obiettivo è quello di far raggiungere ad ogni paziente un’espressione personale più autentica, una sensazione di benessere stabile e duratura ed una vita relazionale maggiormente soddisfacente.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Oggi vi vorrei parlare dell'importanza della psicoterapia di coppia per tutte quelle coppie in crisi segnalandovi una bravissima psicologa a Roma: la Dott.ssa Lia D'Angelo.

 

Qual è l’utilità della Psicoterapia di Coppia?
Negli ultimi anni la ricerca in Psicoterapia si è molto dedicata agli approcci sulle coppie. Questo interesse scientifico è legato all’importanza, da tempo riscontrata e verificata, della vita affettiva e di relazione sulla "qualità" della vita di ogni singola persona.

La relazione di Coppia gioca un ruolo decisivo sia sul benessere psicologico che sulla salute fisica di ogni partner.
È stato riscontrato, infatti, che le persone con problemi coniugali tendono ad avere:

  1. un livello di difficoltà lavorative più alto;
  2. maggiori problemi di salute;
  3. nel caso di coppia con figli, questi ultimi presentano a loro volta difficoltà psicologiche.

Per quanto riguarda la salute fisica, molti studi si sono concentrati sulle malattie cardiovascolari ed è stato verificato che il rischio di malattie cardiache aumenta all’interno della coppia che ha difficoltà a sostenersi e a supportarsi. La stessa prognosi, in caso di malattia, risulta essere più favorevole in presenza di un buon rapporto di coppia.

Per questi motivi le scienze psicoterapeutiche si sono concentrate molto (soprattutto negli ultimi 20 anni) sugli interventi rivolti alla Coppia e sono attualmente disponibili modelli di Terapia di Coppia di grande efficacia.

 

"Quando" è il caso di fare richiesta di una Psicoterapia di Coppia?

Si può ipotizzare un percorso terapeutico di Coppia quando sentiamo che qualcosa non va bene, quando qualcosa, che ci sfugge e che non riusciamo ad individuare, interferisce ed agisce negativamente nella relazione; quando non riusciamo a trovare l’intesa e non siamo abbastanza "in relazione" reciproca; quando, nonostante i tentativi di soluzione, ci si ritrova a vivere le stesse situazioni conflittuali; quando si desidera migliorare l’interazione e il rapporto.

Se quindi vi ritrovate in quanto sopra e siete alla ricerca di una psicoterapia di coppia a Roma affidatevi alla Dott.ssa Lia D'Angelo: psicologa, psicoterapeuta a Roma

A quali Coppie è rivolta?
Presso la Dott.ssa Lia D'Angelo è possibile effettuare Psicoterapia di Coppia nelle varie espressioni della relazione. Può essere infatti rivolta a coniugi (coppie sposate), a coppie conviventi e non conviventi, a coppie omosessuali ed eterosessuali.

Qual è la durata di una Psicoterapia di Coppia?
I tempi variano in funzione della situazione specifica della Coppia e degli obiettivi. In genere si tratta di un percorso terapeutico a breve termine che va dalle 8 alle 20 sedute.

 

 

Vota questo articolo
(1 Vota)

Il Centro Dentistico Poliambulatorio San Geminiano a Modena, nasce con l'obiettivo di preservare la salute della bocca di tutti i pazienti, adulti e bambini.

La qualità clinica delle cure dentali è garantita dalla professionalità e dall'esperienza, anche ospedaliera, dell'équipe di medici dentisti, igienisti e assistenti alla poltrona, che utilizzano solo attrezzature di ultima generazione, materiali certificati e garantiti, e che seguono protocolli clinici e igienici rigorosi.

Gli orari ampi e continuati, le sedi facilmente accessibili, e i prezzi competitivi e trasparenti, vengono incontro anche alle aspettative dei pazienti più esigenti. Andare dal dentista non è più un problema: sorridere è più facile con il Centro Dentistico Poliambulatorio San Geminiano a Modena!

Se quindi siete alla ricerca di un ottimo centro di dentisti a Modena , contatta il Poliambulatorio con fiducia.

 

Vota questo articolo
(1 Vota)

La Dott.ssa Milena Russo, psicologa e psicoterapeuta riceve a Roma (Zona Tuscolana) e in zona Conca d'Oro.

Si occupa di psicoterapia individuale e di coppia.

La Dott.ssa ama dire: "Aiuto individui e coppie a sviluppare maggiore intelligenza emotiva, migliorare le proprie relazioni e superare i momenti più difficili. Insieme"

 

Pensi di dover fare un cambiamento ma non riesci a prendere una decisione? Pensi di aver bisogno di uno psicologo in zona tuscolana a Roma?

 

Noi di Associazione Trastevere non possiamo che consigliarti la dott.ssa Milena Russo.

Per maggiori dettagli visita la sua pagina “Psicologo a Conca d'oro

Nel sito troverete diversi articoli su temi di psicologia e maggiori informazioni circa i servizi offerti.

 

 

Vota questo articolo
(1 Vota)

Eccoti, la lista dei nostri migliori psicologi a Roma e dintorni revisionati dalla community di Associazione Trastevere di Roma

 

Beatrice Caponi, psicologa clinica e psicoterapeuta a Roma, iscritta all’Albo degli Psicologi e degli Psicoterapeuti del Lazio con il numero 16678.

Lia D'Angelo è Psicologa a Roma, Psiconanalista, Psicoterapeuta, Cura per ansia, attacchi di panico, depressione, sessualità, dipendenze

Dott.ssa Barbara Bandinelli Psicologa Clinica a Roma e di Comunità, Psicoterapeuta individuale e Gruppoanalista

Dott.ssa Laura Dominijanni Psicologa Psicoterapeuta a Roma. La Dott.ssa Laura Dominijanni è specializzata in psicoterapia ad approccio sistemico-relazionale

Vota questo articolo
(0 Voti)

PUBBLICHIAMO LA MAIL INVIATA ALLA SEGRETERIA DEL SINDACO MARINO IL 3 GENNAIO PRIMA CHE NOMINASSE I VERTICI DELL'AMA. ABBIAMO APPRESO GLI ULTIMI SVILUPPI CHE CERTO NOI NON AUSPICACAMO E LA SITUAZIONE RIMANE FERMA. www.associazionetrastevere,it

 

ASSOCIAZIONE TRASTEVERE RIONE XIII

” ASSOCIAZIONE ONLUS SENZA SCOPO DI LUCRO , APOLITICA E APARTITICA , SOCIALE E CULTURALE E PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DI TRASTEVERE RIONE XIII DEL 1° MUNICIPIO DI ROMA CAPITALE “.

mail : associazionetrastevereXIII@gmail .com www.associazionetrastevere.it

Al Sindaco di Roma Capitale

IGNAZIO MARINO

 

Eg. dott. Marino

abbiamo appreso che in questi giorni, dopo aver constatato di persona la situazione dei rifiuti su alcune strade e della relativa raccolta nel territorio di Roma, si accinge a nominare i nuovi vertici dell’ AMA.

A questo proposito Le chiediamo che tali nomine, sia dei vertici che a capo delle varie zone della suddetta azienda in cui la città è divisa, siano nominati dei tecnici, in particolare ingegneri, capaci e possibilmente giovani che hanno voglia di studiare la situazione (anche prendendo esempio dai paesi che hanno trovato un sistema efficace ) e di fare. A Roma e in Italia ce ne sono tantissimi e perché costringerli ad andare all’estero per far valere le loro capacità ?

Noi ci occupiamo di Trastevere, Rione XIII del 1° Municipio Centro Storico, e qui la situazione ha superato limiti insopportabili per un decoro decente per i residenti, per i tantissimi visitatori e turisti stranieri. E sappiamo che Lei auspica in particolare proprio il decoro.

La ringraziamo anticipatamente se terrà conto di quanto sopra poi naturalmente a Lei la scelta.

Marco Gargani

Vota questo articolo
(0 Voti)

Roma, 14 dicembre – Si chiama “Evasioni romane” ed è un mercatino di Natale molto speciale che mette in vendita i prodotti realizzati dai detenuti delle carceri romane. L’iniziativa, promossa dal Garante dei detenuti di Roma Filippo Pegorari, dall’ assessore capitolino all' Ambiente Marco Visconti e dall’ associazione di promozione di economia carceraria “Recuperiamoci”, si tiene a piazza Mastai, in Trastevere, ed è il primo evento del genere a Roma: un modo concreto per partecipare a quella rieducazione del detenuto di cui parla anche la Costituzione.

Fino al 31 dicembre sarà possibile acquistare un po’ di tutto, dai formaggi al panettone, dai mosaici alla pelletteria: cose diverse che hanno in comune il fatto di essere stati realizzati dalle 35 cooperative sociali che operano nel settore penitenziario. A sostegno dell’iniziativa, tra i tanti stand della mostra-mercato natalizia ce ne sarà uno dell' assessorato all'Ambiente di Roma Capitale, dove verranno venduti i prodotti dell' azienda di Castel di Guido.

L’assessore Marco Visconti, presentando la manifestazione in Campidoglio, ha ribadito che la città deve sapere cosa accade dentro gli istituti di pena, e a questo scopo sono in cantiere molti progetti, tra cui uno sulla raccolta differenziata da realizzare a Rebibbia assieme a Legambiente.

Il Garante dei Detenuti, Filippo Pegorari, ha aggiunto che “I prodotti che saranno esposti negli stand sono stati realizzati in carcere dai detenuti sotto la guida di esperti agronomi e veterinari, e non soffrono la concorrenza perché la loro qualità è davvero alta.”

 

 

 

13 DIC 2011 RR

Vota questo articolo
(1 Vota)

Roma, 17 dicembre – Il sindaco Gianni Alemanno, ha prorogato al 17 marzo 2012 la validità dell’ordinanza antialcol 213 del 29 settembre 2011, che era in vigore fino al 16 dicembre. L’ordinanza pone limiti alla vendita e al consumo di bevande alcoliche nei luoghi della movida romana.

 

In particolare da sabato 17 dicembre, è vietata la vendita al dettaglio o per asporto di bevande alcoliche dopo le 23. Vietati anche la somministrazione e il consumo di alcol su strade pubbliche o aperte al pubblico transito, dalle ore 23 alle ore 6, ad eccezione delle giornate del 31 dicembre 2011 e 1° gennaio 2012.

Il divieto è valido in tutti i giorni della settimana e i municipi interessati sono: I, II, III, VI, XI, XIII e XX.

In allegato il testo dell’Ordinanza con il dettaglio delle strade in cui sono in vigore i divieti

 

16 DIC 2011 – MZ